Sì o Si, quale forma è corretta?

by Erik Lazzari

 Sì o Si, quale forma è corretta?

Si scrive con l’accento oppure si senza accento? Quando si deve utilizzare una forma o l’altra?

La maggior parte delle persone, tra cui molti studenti, dà poca importanza all’utilizzo corretto di questa forma, forse perché non ne è a conoscenza, e dunque commette un grave errore ortografico.
In questo breve articolo vi spiego quando ricorrere al o al si.  

Sì (con l’accento grave) è la grafia corretta per fornire una risposta con valore affermativo (si tratta di un avverbio di affermazione)

Esempi:

– Ti piace la pizza? , molto!

– Hai spedito l’email? !

– Sei andato a fare la spesa? , sono andato ieri pomeriggio. 

– Eh , il tempo scorre molto velocemente.

– Hai già visitato il sito di Erik Lazzari? , lo visito spesso.

 – o no?

Si (senza l’accento) è la grafia corretta per indicare il pronome riflessivo di terza persona singolare e plurale (particella pronominale) e per indicare la nota musicale “si”.

Esempi:
– Erik si è preso del tempo per scrivere questo articolo.

– Laura si prepara per andare al cinema.

– Mario e Giacomo si sono messi a studiare seriamente per superare l’anno scolastico.

– Mi suoni un si, per favore?

– Lucia si sottovaluta.

Un piccolo trucco per non sbagliare

Se si ha un dubbio circa lo scrivere sì/si, è opportuno sostituire il sì con il no: qualora il periodo abbia un senso compiuto, è necessario scrivere il sì con l’accento.
Esempio:
– Erik si è preso del tempo per scrivere questo articolo – Erik no è preso del tempo per scrivere questo articolo. La frase non ha alcun senso, dunque non ci vuole l’accento sul si.

– Sei andato a fare la spesa? , sono andato ieri pomeriggio – Sei andato a fare la spesa? No, non sono andato. La frase ha senso, pertanto l’accento sul ci vuole.

ATTENZIONE!!

La scrittura si’ (con l’apostrofo) è scorretta!! Si ricorreva a questa grafia nella forma antica della seconda persona singolare del congiuntivo esortativo del verbo essere (congiuntivo utilizzato in proposizioni indipendenti per esprimere un ordine, un’esortazione, un invito): “sii” con troncamento (diventa si’); in altri contesti è ancora utilizzata per sostituire la seconda persona singolare dell’imperativo del verbo essere.
Esempio: il primo verso del Cantico delle Creature di Francesco d’Assisi “Laudato si’ mi’ Signore […]”

 

Si scrive A o HA? 

Ce o c’è: come si scrive? 

 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Language

Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie, per maggiori informazioni visita la cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Privacy Policy


Cookie Policy

Chiudi